Volley A1F – Irene Gomiero: “Fermate tutto, abbiamo paura”

“Ho sempre accompagnato i miei post sui social con l’hashtag #ilmiosportèdifferente. Sto cominciando a pensare che non sia vero e che anche ai vertici della pallavolo, come di tante altre discipline, si guardi al ritorno economico e non alla salute delle atlete, atleti e staff. Questo atteggiamento non mi fa solo arrabbiare, mi da proprio la nausea”. Non usa mezzi termini la capitana della CDA Volley Talmassons, Irene Gomiero, che sta vivendo lo stop forzato in appartamento, assieme alla sua compagna di squadra Sara Ceron e alla sua cagnolina Mila e ha affidato a Istagram, negli ultimi giorni, i suoi pensieri. A quasi due settimane dal blocco della Serie A Gomiero, come tante colleghe e tanti Club, vorrebbe avere delle risposte dai vertici della pallavolo, dal Coni o dal Governo in merito al futuro del campionato. “Sicuramente lo stop verrà prolungato dopo il 3 aprile – avverte – ma ormai la stagione è totalmente falsata: anche dovessimo ricominciare, alcune squadre si ritroverebbero senza straniere, altre faticherebbero a trovare gli spazi per allenarsi. A questo punto chi può decidere lo deve fare: non però nell’ottica di salvaguardare il campionato, gli sponsor, le entrate economiche, ma della nostra salute. Pratichiamo – prosegue – uno sport al coperto, nel quale mantenere le distanze è quasi impossibile, nel quale tocchiamo gli stessi palloni e ci buttiamo a terra. Ora gli allenamenti sono sospesi per tutte le squadre di A2, ma confesso di aver avuto paura.” La soluzione, per la capitana in fucsia, in sintonia con il suo Club, è la sospensione definitiva dei campionati e l’annullamento di promozioni e retrocessioni. “Il prossimo anno – chiarisce -ricominceremo da capo. Credo sia questa la soluzione più indolore, anche se capisco la contrarietà dei Club che hanno investito per la promozione. Ma questa situazione non ha colpevoli”. Nell’ultimo post Istagram di Irene si legge: “Ok, siamo atlete, ma siamo persone, siamo figlie, siamo fidanzate, mogli e madri. Vorremmo semplicemente si prendesse una decisione mettendo davanti a tutto, per una volta, non i soldi, ma la salute delle ragazze e dello staff”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!