L’ottimismo è il profumo della vita, nuovi modi di fare politica

Era il giugno 2015, quando, ricevendo la laurea honoris causa in Comunicazione e Culture dei Media all’Università di Torino, Umberto Eco tuonava: “I social permettono alle persone di restare in contatto tra loro, ma danno anche diritto di parola a legioni di imbecilli che prima parlavano al bar dopo un bicchiere di vino e ora hanno lo stesso diritto di parola dei Premi Nobel”.

I social hanno enfatizzato l’essenza dell’italiano medio che è quello di saperne più degli altri. Tutti allenatori, tutti direttori artistici, tutti amministratori capaci. Tutti a parole, ma poi nel concreto la realtà è ben diversa. E, in un momento storico in cui, per colpa dei “social” tutti sono diventati opinionisti, politologi, esperti in ogni settore, è opportuno tornare a comprendere l’importanza del ruolo del giornale cartaceo e del giornalista. Questo perchè il rischio concreto è che non si riesca più a distinguere la notizia dalla fake news. Il ruolo del giornalista è stato sempre criticato, ma oggi ci si rende conto che quel filtro tra il fatto e il lettore è fondamentale per una corretta informazione. Oggi si corre, anche i giornalisti presi dalla disperazione, cercano di arrivare prima del blogger di turno, dell’abusivo di turno e non verificano più le fonti. Non effettuano più quel filtro fondamentale che era la garanzia per il lettore. E così non si comprende più quale sia la news vera e quale la bufala. Tutto è un insieme centrifugato che va ad esclusivo danno del lettore, nazionale, regionale e locale.

Ognuno dovrebbe svolgere il suo mestiere, anche nel coinvolgimento delle persone. Perchè ci sono tanti modi per far partecipare e sicuramente non attraverso la creazione di tanti giornalisti che non hanno mai consumato le suola delle scarpe per imparare il mestiere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!