Operazione Dinastia, il sindaco di Milazzo Giovanni Formica si congratula con i carabinieri

Il sindaco Giovanni Formica appresa la notizia dell’operazione condotta dalle forze dell’ordine che ha portato all’arresto di 59 persone, alcune delle quali di Milazzo, ha espresso il suo ringraziamento per il lavoro svolto dalle forze dell’ordine.
“Esprimo la gratitudine mia personale e dell’intera città di Milazzo alla Magistratura e alle Forze dell’Ordine – ha affermato – per la brillante operazione che stanotte ha inferto un colpo micidiale all’organizzazione mafiosa Barcellonese e alle sue articolazioni operanti anche nel nostro territorio. Alcuni anni addietro, quando nel corso di una trasmissione televisiva, alla domanda di Vittorio Sgarbi se a Milazzo ci fosse la mafia risposi di si, si sollevò una polemica politica che addirittura spinse un consigliere, oggi candidato alla carica di Sindaco, a chiedere la convocazione di un consiglio comunale straordinario per censurare le mie “gravi” affermazioni che avevano dato di Milazzo un’immagine negativa. Una forma di negazionismo che fa male alle istituzioni e indebolisce la parte sana della società.Da allora, in più circostanze abbiamo, purtroppo, avuto la prova che non mi sbagliavo e ancora una volta lo abbiamo appurato oggi, leggendo di un numero impressionante di arresti e di una rete criminale pervasiva che, nonostante il duro lavoro e gli innumerevoli successi degli organi dello Stato, si dimostra dura a morire. Mi auguro – conclude il primo cittadino – che in questo momento in cui nella nostra Milazzo è iniziata la campagna elettorale per le elezioni amministrative, amministratori in carica e candidati sindaco, magari rivedendo le posizioni espresse in passato, avvertano il dovere di esprimere soddisfazione e gratitudine per i risultanti raggiunti dagli investigatori.
Sarebbe un messaggio importante per i cittadini che dimostrerebbe loro che, pur se spesso distanti, su alcune cose, centrosinistra, centrodestra, forze civiche e movimenti stanno dalla stessa parte e si sentono impegnati, con gli organi dello Stato, nella difesa della legalità, strumento indispensabile di libertà e di crescita”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!